Marketing

Toyota e lo spot verso il futuro: “Start your impossible”


Il 28 gennaio 2018 Toyota inserisce online sulla sua pagina YouTube il video dello spot girato per le olimpiadi invernali di Corea che vede come protagonista la campionessa olimpionica Bebe Vio (lo spot in versione integrale è disponibile cliccando sul collegamento Spot Toyota Start your impossible – Bebe Vio).

bebe vio inizio video
Frame iniziale del Video di Toyota su YouTube
Sulla pagina YouTube dell’azienda si legge: “È quando inizi a sognare l’impossibile che puoi realizzarlo. E se a dirlo è la campionessa paralimpica Bebe Vio, possiamo solo crederle”.
Toyota ingaggia infatti Bebe Vio come ambasciatrice della campagna sulla mobilità sostenibile che ha ideato per le olimpiadi di Corea.  Bebe Vio (Beatrice Vio) è fiorettista nonché medaglia d’oro alle paraolimpiadi di Rio de Janeiro del 2016. Così, in quanto partner ufficiale dei Giochi Olimpici e Paralimpici invernali di Corea del 2018, Toyota ha chiamato la campagna “Start your impossible”. Lo spot si rivela vincente per vari motivi.

È infatti carico di emotività, ma anche di messaggi e modelli positivi e di un approccio verso il futuro tipico della casa automobilistica giapponese, che è stata sempre disruptive rispetto ai competitor e alle regole del passato. Del resto, ha sempre fatto cose che per il resto del mondo sembravano impossibili.

Nello spot si vedono momenti di quotidianità dell’atleta, immersa fra allenamenti, sfide, dolori e sogni, sotto le note della sinfonia originale di Håkan Eriksson, scritta e musicata per lo spot su Beatrice, gli scorci di Roma e una scena finale da brividi del su grido della vittoria a Rio de Janeiro.

25007033_395394284214737_1149132196695506944_n
Bebe Vio su Instagram (@bebe_vio)

Le innovazioni di Toyota

Così come si legge dal sito ufficiale (clicca qui per leggere), Toyoya ha infatti prodotto la prima auto ibrida nel 1997, “rivoluzionando il concetto di mobilità”. Se si pensa alla situazione del mercato e dei modelli competitivi del 1997, si potrebbe osare dire che fosse avanguardista e che avesse rischiato. Eppure i dati di settembre 2017 sul mercato italiano, pubblicati da Green Start (leggi articolo integrale cliccando qui), rivelano una quota di mercato dell’ibrido del 3,5%, in crescita e con dominio Toyota.

E, facendo riferimento alla situazione attuale (2018), Toyota rompe ancora una volta gli schemi, inizia ancora una volta con l’impossibile e dichiara di chiudere la produzione e la vendita per il mercato italiano di automobili diesel, dando vita al movimento Diesel Free (si legge su alcuni articoli di La Stampa e Il Sole 24 ore di Gennaio 2018). Così come dice Bebe Vio nel video “non sogno mai quello che non sono più. Quando sogno, mi vedo come sono, vedo quello che ho conquistato e tutto quello che potrò ancora diventare“, Toyota non si arresta nella corsa verso il futuro.

Unica è infatti la sua mission che, così come si legge dal sito ufficiale, resta quella di “offrire, attraverso l’uso integrato di vetture, tecnologia avanzata, innovazione e robotica, la migliore mobilità possibile per tutti“. Toyota vuole infatti costruire una Smart Mobility Society.
Vero è quindi che Today, Tomorrow, Toyota.
CONDIVIDI L'ARTICOLO SU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *